Crema viso antirughe: consigli su quale scegliere

Le rughe, ovvero i classici solchi della pelle spesso associati all’invecchiamento, rappresentano un vero e proprio incubo per donne e non solo e, al fine di evitare il suo concretizzarsi, occorre intervenire con specifiche creme antirughe. Ciò che però non tutti sanno è che non basta utilizzarne una qualsiasi, ma serve scegliere la più adatta in base alla propria età e alla propria pelle. Cerchiamo allora di orientarci insieme nel vasto mondo delle creme antirughe!

Quale crema scegliere in base all’età

Se non si vuole vedere comparire le rughe sul proprio viso, prevenzione è la parola chiave. Per questo, a differenza di quello che si pensa spesso, il percorso di trattamento cutaneo per contrastare la formazione delle rughe deve cominciare molto prima dell’età in cui questi solchi fanno la loro comparsa effettiva. Dunque ecco che caratteristiche devono avere i prodotti antirughe in base all’età: 

  • A 30 anni. È circa attorno a quest’età che sintomi primordiali e quasi impercettibili legati alle rughe, come le prime pieghe sottili, cominciano a tormentare la pelle. In questa fase è fondamentale rinforzare le difese antiossidanti della cute, stimolando la sintesi del collagene e preservando l’elasticità cutanea attraverso la vitamina C;
  • A 40 anni. Con l’ingresso negli “anta” l’aumento della secchezza cutanea e la conseguente diminuzione del livello ottimale di idratazione diventano i responsabili dell’invecchiamento della pelle, che comincia a presentare le prime vere rughe, soprattutto attorno agli occhi (le cosiddette “zampe di gallina”). Una crema dal principio idratante, che contenga attivi come il bifidus o la baicalina, è l’ideale;
  • Dai 50 anni. Dopo mezzo secolo la pelle comincia ad apparire più fragile e segnata, dunque il prodotto da spalmare sul viso deve assicurare una costante rigenerazione cellulare: polifenoli, acido ialuronico, peptidi, antiossidanti e ceramidi sono tutti decisivi in questo senso. 

Tipologia di crema

Già dalla divisione per età appena enunciata si intuisce che non tutte le creme antirughe sono uguali. Ne esistono infatti di diverse tipologie, ecco le principali: 

  1. Creme elasticizzanti. Rafforzano le fibre elastiche che sostengono la pelle, evitando che si assottigli o si segni precocemente: il suo costante rende la cute del viso più luminosa e compatta;
  2. Creme ridensificanti. La funzione madre di queste creme è il sostegno. Intervengono infatti i cedimenti cutanei di una pelle non più giovane, rassodandola e mantenendo compatti i contorni del viso;
  3. Creme liftanti. Gli attivi contenuti al loro interno hanno lo scopo di rendere le rughe meno profonde e visibilmente più ridotte, levigando la pelle che acquisisce un aspetto più uniforme e disteso.

Come capire al meglio le indicazioni nelle etichette

A prescindere dalle differenti tipologie sin qui analizzate, tutte le creme antirughe devono contenere precisi ingredienti affinché possano svolgere la propria funzione. Questi devono essere indicati per legge sull’etichetta del prodotto ma, molto spesso, anche se leggiamo i loro nomi rassicuranti, non sappiamo che cosa siano nel concreto. Spieghiamo dunque qui gli elementi essenziali di ogni crema antirughe che si rispetti:

  • I peptidi, corte catene di amminoacidi, stimolano la produzione di collagene, proteina che sostiene l’epidermide, rassodandola;
  • Gli antiossidanti, come la vitamina C, svolgono una funzione protettiva, limitando la produzione dei radicali liberi, quelle sostanze di scarto che si formano in seguito al metabolismo cellulare e stimolano l’invecchiamento della pelle, inficiando il lavoro svolto di alcuni suoi alleati, come il collagene stesso; 
  • Gli Alfa-idrossacidi (AHA) sono una classe di composti chimici dall’effetto davvero irrinunciabile nel trattamento antirughe: levigano i solchi della pelle, le danno lucentezza schiarendo le macchie e favoriscono la penetrazione al suo interno degli altri ingredienti benefici; 
  • I retinoli, derivati della vitamina A, sono tra gli ingredienti più testati e dall’efficacia assicurata: favoriscono il ricambio cellulare e la produzione di collagene.  

Condividi